Chi sono

La mia storia ed il mio futuro

Chi sono

Mi chiamo Ketty Dalla Valle e sono nata ad Arzignano il 14 dicembre del 1985. Ho vissuto fino a sedici anni in una piccola contrada di Altissimo, un grazioso paesino nell’alta valle del Chiampo.

Sono cresciuta, oserei dire, allo stato brado! Tra natura e animali che sono sempre stati la mia grande passione. I miei nonni, contadini, avevano la stalla con le mucche, orti con ogni tipo di prodotto e boschi. Si è ben radicato nel mio essere il senso della tradizione, del rispetto verso ciò che la natura ci offre e soprattutto verso gli animali che hanno da sempre condiviso molto tempo con me.

 

 

 

 

 

 

 

Un lupo per amico

Il mio primo amico a quattro zampe fu un cane lupo che mio nonno aveva portato con sé dalla Francia.

Nel mio piccolo mondo di bambina mi rapportavo con lui in modo del tutto naturale, senza paura o pregiudizi; forse proprio per questo nacque un’intesa speciale.

Mi raccontano che mi accompagnava fino alla fermata del pulmino; all’ora del rientro puntualmente mi attendeva per rincasare.

Purtroppo dopo molti anni ci abbandonò ed un nuovo cane fu accolto nella nostra famiglia. Un meticcio stupendo, color albicocca, di nome Rocky che divenne ben presto la mia ombra. Un sacco di avventure ci hanno accompagnato e, ripensandoci, mi rendo conto di quanta pazienza hanno avuto questi cani nei miei confronti.

Non avevo certamente le competenze, né le conoscenze attuali, per comunicare o leggere quello che il cane cercava di dirmi. Rocky ha sopportato manipolazioni errate e l’irruenza di una bambina vivace, ma che gli ha voluto davvero tanto bene.

Poi arrivarono Briciola e Leo. Briciola era uno yorkshire piuttosto mordace che però non è stato risparmiato alle mie cure ed infine... Leo.

 

 

Una parte di me...

Avevo 11 anni quando lo vidi. Era sopra ad una mensola di un negozio, aveva tre mesi e fu amore. Tra pianti e urla convinsi i miei genitori a portarlo a casa con noi e quel giorno nacque un rapporto speciale durato 14 anni. Leo è stato parte di me, la mia metà, dove c’ero io c’era lui, dormiva con me, a casa accettavo chi accettava lui per primo. È stato con Leo, barboncino nano, che iniziai a maturare l’idea che il cane è davvero un elemento importante e indescrivibile, che il cane ti può dare davvero tanto, ti parla, ti consola, ti protegge, ti ama. Ho iniziato a maturare un senso di insofferenza verso chi non aveva rispetto per lui, verso chi lo provocava, verso chi lo rifiutava.

Alla morte di Leo ho attraversato un periodo piuttosto difficile durante il quale non riuscivo più a concepire il poter vivere ancora con i cani; il dolore per la perdita di Leo è stato enorme e tutt’ora mi scendono le lacrime quando ripenso a lui.

Dopo qualche anno però è arrivato, quasi per caso, Lucky: il volpino coccolone di casa che è diventato il compagno di vita dei miei figli e con loro si sta consolidando un rapporto stupendo basato sul rispetto reciproco. Pian piano sono riuscita ad accettare nuovamente la presenza di cani in famiglia e l’amore profondo che nutro per loro è inevitabilmente riemerso.

 

 

 

 

 

 

 

 

L'arrivo di Maya

Finchè un giorno, mentre ero ad una giornata teorico-pratica di sheepdog, ho conosciuto Maya. Una stupenda Border Collie Smooth che mi ha travolto con il suo entusiasmo di cucciola e il suo sguardo profondo. Era assieme alla sua mamma ed agli altri cuccioli quando all’improvviso me la sono ritrovata in braccio!

Ho cercato di ignorare la cosa ma, quando è successa per la seconda volta, ho iniziato a pensare che forse era un segno... ed è venuta a casa con me dopo qualche giorno! Ad oggi vivo con la mia famiglia e i miei due stupendi cagnoloni! Ed anche una micia.

Maya è diventata la mia collega, la mia amica, il mio cuscino, la mia metà nei corsi che frequento, è una presenza costantemente vicina a me.

Un sogno che si realizza!

Ho lavorato vari anni come impiegata, ma era un lavoro che dentro di me non ho mai sentito mio, mancava la passione, la soddisfazione, mancavano i cani. Provavo una sensazione di soffocamento ogni giorno sempre più forte e impossibile da ignorare.

Ho quindi deciso di seguire quello che il cuore mi diceva da anni: mi sono affidata al mio istinto, alla mia predisposizione naturale di circondarmi di animali e di interagirci, alla mia determinazione.

Diplomata prima operatrice e poi educatrice cinofila, ho iniziato quindi la mia avventura in questo mondo meraviglioso.

I miei due bambini, inoltre, sono stati la molla per perseguire anche la qualifica di operatore di zoo-antropologia didattica. Osservandoli come interagiscono con tutti gli animali, quante domande riescono a porre guardando la natura, quanto imparano anche solo osservando e soprattutto quante emozioni riescono a provare tramite il contatto con un animale... mi hanno dato la giusta motivazione per dedicare parte del mio percorso alla didattica, per insegnare ai bambini l'importanza della diversità e per diffondere una maggiore educazione attraverso la relazione stessa che con un animale possono instaurare.

Questa è certamente la mia strada, consapevole che sarà un continuo accumularsi di esperienze, conoscenze, crescita e studio ma...

...un sogno che finalmente si realizza!

L'avventura continua...

Ora che ti ho raccontato un po' della mia storia ti lascio alcuni link utili. Per primo il mio Curriculum Vitae che puoi scaricare qui sotto. Inoltre, se ti interessa conoscere il mio percorso formativo puoi trovare un approfondimento nella apposita sezione. Infine, per scoprire tutte le novità dei servizi che offro e delle esperienze di vita assieme ai nostri amati amici puoi leggere la sezione blog.

Clicca qui per ulteriori informazioni