La salute estiva dei nostri cani è importante

L'importanza degli antiparassitari naturali

Vediamo quali attenzioni è opportuno mettere in atto nei mesi più caldi per evitare di incorrere in malattie infettive o in spiacevoli corse dal veterinario

Diverse forme di una zecca e di una pulce

Il cane e le zecche

Mai come quest'anno le nostre zone sono in emergenza, soprattutto, per quanto concerne la zecca: un parassita molto pericoloso, non solo per i nostri cani, ma anche per noi umani. Tra i doveri del buon proprietario di cani, rientra anche la volontà di occuparsi della prevenzione: mettere in atto tutta una serie di accortezze e attenzioni per evitare che il cane venga attaccato, ad esempio, dalle classiche pulci, zecche o zanzare.

Rilassarsi con una silenziosa passeggiata nel bosco o giocare a pallone in un prato con il proprio cane, potrebbe rivelarsi un'ottima occasione per le zecche di trovare terreno fertile sul quale vegetare indisturbate, fino alla sazietà.

Purtroppo, però, le zecche non sono così innocue; è molto importante attuare delle misure preventive se non vogliamo rischiare di incorrere in gravi malattie, che possono portare in alcuni casi anche alla morte. Il pericolo riguarda sia gli umani, sia i nostri cani.

La puntura dei pappataci

Insetto spesso confuso, per la sua somiglianza estetica e per la sua elevata capacità di mordere, con la zanzara.

Le conseguenze del suo silenzioso operato, normalmente sono:

  • reazioni allergiche con visibile gonfiore
  • prurito nella zona del morso

ma potrebbe anche essere:

  • leishmaniosi: pericolosissima e, purtroppo, sempre più diffusa. Trasmessa dalla puntura dei pappataci, è opportuno che venga gestita con tempestività e che venga periodicamente monitorata dal veterinario. Questa malattia infettiva, porta danni progressivi al cane e può essere trasmessa anche all'uomo. Consiglio di effettuarne il test dal proprio veterinario: 10 minuti, e solamente grazie ad un prelievo potrete accertare lo stato di salute del vostro cane.
    La leishmania potrebbe incubare e permettere al cane di vivere anche qualche anno, tuttavia, non dimentichiamo che sono molti i casi in cui si è rivelata letale.

La zanzara tigre

In particolare nella pianura Padana ma, anche, in tutte quelle zone nelle quali ci sono paludi o ristagni di acqua. La zanzara tigre, purtroppo, vive e banchetta egregiamente. Come per i pappataci, il suo morso provoca irritazione e gonfiore ma, l'aspetto più temuto, è la filariosi.

Nel momento in cui le larve di questo parassita vengono immesse nel sangue del cane per azione del morso della zanzara, crescono e dopo qualche mese andranno a colpire il cuore e i polmoni del cane, causandone spesso la morte. È raccomandabile effettuare periodicamente il test dal proprio veterinario, per evitare che l'eventuale filariosi degeneri e impedisca l'efficiente intervento con farmaci.

Il cane e la corretta prevenzione in 4 mosse

  1. Il cane dovrebbe essere quotidianamente controllato, alla ricerca di parassiti o di visibili morsi degli stessi. Solitamente le parti del corpo predilette sono le orecchie, la pancia ma anche la zona inguinale e le ascelle.
  2. In commercio ci sono svariati prodotti, sia chimici che naturali, che possono rivelarsi un fondamentale supporto nella prevenzione di malattie e punture.
  3. Attuare delle misure di prevenzione aggiuntive (ad esempio spray sul pelo del cane) qualora sia prevista un'uscita in una zona boschiva o segnalata come "zona rossa"
  4. Asportare immediatamente eventuali zecche dal corpo del cane, consultandosi con il veterinario oppure recandosi in ambulatorio.

 

Per ulteriori chiarimenti e info sui prodotti antiparassitari disponibili in commercio, vi invito a cliccare sul link seguente: https://www.fratellipellizzari.it/blog/benessere-e-prevenzione-i-nostri-animali

 

 

Rispondi o lascia un tuo commento

Il contenuto di questo campo sarà mantenuto privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Dichiaro di aver letto l’informativa ex art. 13 dlg 196/03 e di accettare i termini in essa esposti. I dati raccolti a seguito della compilazione del presente modulo possono essere utilizzati per rispondere al messaggio. Il messaggio inviato verrà pubblicato secondo le norme stabilite nel regolamento del sito. La compilazione del modulo è facoltativa ma per la pubblicazione è necessario inserire un proprio indirizzo email valido. I dati indicati con un * sono obbligatori per poter effettuare l'invio del messaggio.

Clicca qui per ulteriori informazioni