Can che annusa... non morde!

Il nosework, lo sport cinofilo che permette di sviluppare e utilizzare l'olfatto del cane

Sabato 10 novembre si è svolto lo stage di Nosework, una disciplina che rafforza abilità olfattive, cognitive e relazionali

Set allestito per il primo stage di nosework

La giornata di Sabato 10 novembre, al centro cinofilo di Gambellara, è stata dedicata al Nosework; vari binomi si sono prestati a testare nei propri cani, il livello di "naso" e di voglia di cercare.

L'olfatto del cane: come funziona?

Quando si parla di olfatto sviluppato, automaticamente un riferimento immediato va ai cani da caccia. Ma non sono solo loro ad avere una così alta capacità di rintracciare, riconoscere e seguire odori; certamente hanno una predisposizione che va oltre a quella di altre razze ma, l'olfatto, è in assoluto il senso più sviluppato per tutti i cani.

Sin da cuccioli, dato anche dal fatto che non vedono e non sentono, iniziano a sviluppare e preferire l'uso del tartufo come mezzo di lettura. Pensiamo alla differenza con noi umani che da piccoli, per scoprire l'ambiente, tocchiamo, guardiamo e assaggiamo!

Il numero di ricettori olfattivi presenti nel cane sono di gran lunga più numerosi di quelli umani... sto parlando di milioni e milioni di ricettori in più nel cane. È chiaro come l'atto dell'annusare diventi per il cane fondamentale ai fini della calma, della conoscenza, della consapevolezza di ciò che lo circonda in quel determinato ambiente.

Riassumendo, il naso del cane è una macchina complessa e perfetta: riceve le molecole odorose, le deposita sulle mucose, attraverso l'aria che entra le trasforma in segnale elettrico che viene inviato al cervello per la successiva elaborazione e memorizzazione. A tutto questo si aggiunge l'organo di Jacobson, situato sopra al palato, responsabile della cattura e lettura dei vari ferormoni emessi dalle ghiandole.

Per l'uomo tutto questo sistema è impossibile, sia per la quantità di ricettori olfattivi di cui è dotato e sia per la superficie di mucose olfattive decisamente meno estesa rispetto a quella del cane.

Il Nosework per allenare l'olfatto

Lo stage è stato proposto per la prima volta a Gambellara ed è stato una rivelazione per alcuni cani. Per praticare questa disciplina non ci sono limiti di età o di razza, qualsiasi cane può allenarsi ad annusare e cercare!

Nel centro cinofilo è stato allestito un set di ricerca iniziale, con alcune nicchie di legno che presentavano pezzi scorrevoli, cassetti da tirare, coperchi da alzare, ante girevoli. Guidati dall'istruttrice Alessandra Vicentini, il primo step è stato quello di capire se il cane lavorava maggiormente di olfatto o di vista.
Sulla base di questo si impostava l'attività di ricerca più adatta. Il proprietario eseguiva delle piste nel set, toccando ogni nicchia e depositando solamente in una di queste l'oggetto che il cane doveva trovare; alcuni cani, nell'immediato si riconducevano all'oggetto e abbaiavano per segnalarne la presenza, oppure cercavano di aprire il vano. Per altri con qualche difficoltà iniziale di distrazione, in un secondo tentativo si è riusciti a trovare un qualcosa di motivante che permettesse al cane di prestarsi alla ricerca e di ottenere i relativi rinforzi positivi e premi.

Allego alcune foto dello stage del 10 novembre 2018.

Nel pieno rispetto del cane

Come da etica del centro cinofilo, tutte le attività si sono svolte rispettando il benessere del cane. Senza frustrazione, capendo i limiti di ogni soggetto ed adattando gradualmente le attività, spostando o variando il set a seconda delle esigenze. Lo stage ha voluto presentare questo nuovo sport, molto utile ai cani iperattivi che così incanalano le loro energie in un'attività più statica e costruttiva; a cani timorosi e insicuri, che attingendo alle capacità del loro naso, hanno la possibilità di venire gratificati e di capire che possono farcela! A cani che per istinto di razza devono annusare per sentirsi totalmente appagati. Il nosework è un'attività che davvero coniuga lavoro, concentrazione a sicurezza, autostima e maggiore qualità di relazione e coinvolgimento con il proprietario.

Sulla base del grado di apprezzamento dello stage, è stato deciso di dare continuità per chi volesse, a questa tipologia di attività. È stato creato un gruppo whatsapp apposito per tutti coloro che vogliono provare, anche solo per divertimento, a proporre al proprio cane un'attività diversa ma estremamente utile; da gennaio 2019 alcune date di sabato, che definiremo assieme nel gruppo, saranno dedicate al nosework presso il centro cinofilo indoor di Gambellara.

Per info e costi, contattarmi al numero 348/8827117 oppure inviare una richiesta a ketty85k@gmail.com

Rispondi o lascia un tuo commento

Il contenuto di questo campo sarà mantenuto privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Dichiaro di aver letto l’informativa ex art. 13 dlg 196/03 e di accettare i termini in essa esposti. I dati raccolti a seguito della compilazione del presente modulo possono essere utilizzati per rispondere al messaggio. Il messaggio inviato verrà pubblicato secondo le norme stabilite nel regolamento del sito. La compilazione del modulo è facoltativa ma per la pubblicazione è necessario inserire un proprio indirizzo email valido. I dati indicati con un * sono obbligatori per poter effettuare l'invio del messaggio.

Clicca qui per ulteriori informazioni